Informativa sulla privacy

La presente informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE n.2016/279 (GDPR)  sul trattamento dei dati personali degli utenti che consultano e interagiscono con il sito web dell’A.N.S.M.E.S, e i relativi servizi (es. navigazione informativa nelle pagine del sito, richieste di informazioni tramite mail o da altri recapiti forniti, compilazioni di moduli, richieste di accesso ad aree riservate, ecc.). Si prega di prendere visione dell’informativa e accettarne le condizioni.

 visualizza la privacy Approvo

Europei Artistica: Vanessa Ferrari bronzo al corpo libero con "Bella Ciao"

Primo Piano
//
images/ferrari1.jpg

Vanessa Ferrari vince la medaglia di bronzo al corpo libero nella seconda giornata di finali per attrezzo del Campionato Europeo di Basilea, in Svizzera. Per la ginnasta di Orzinuovi - classe 1990 - è la quinta medaglia continentale in questa specialità, (dopo i due ori ad Amsterdam 2007 e Sofia 2014 nonché i due argenti a Volos 2006 e, in casa, a Milano 2009) e l’ottavo podio senior della sua lunga carriera, contando anche i piazzamenti di squadra in Grecia e a Bruxelles, e il titolo individuale assoluto in Olanda. L’albo d’oro dell’artistica femminile si aggiorna quindi e, con il bronzo di Maria Teresa Gargano nel 2004, sale a sei medaglie europee al corpo libero. Il 25 aprile, anniversario della liberazione dell’Italia dall’occupazione nazista e dal regime fascista, il caporal maggiore dell’Esercito italiano, con il suo esercizio montato sulle note di “Bella Ciao” torna a vincere in campo europeo dopo sette anni. Con uno Tsukahara avvitato, un doppio teso, una doppia in presa, un enjambè cambio ad anello con enjambè cambio un giro, uno Tsukahara, un Gojan, un “Ferrari” (tour jete’ ad anello con mezzo giro - l’elemento del codice dei punteggi che porta il suo nome) e una ribaltata teso avvitato, ottiene 13.600 punti e la piazza d’onore dietro all’inglese Jessica Gadirova (pt. 13.966), che prende lo scettro di specialità dalla campionessa uscente di Mersin 2020, la romena Larisa Iordache.

«La medaglia di oggi è per me un simbolo di resilienza e di resistenza - ha detto Vanessa al termine della premiazione - Lo dimostra la mia storia agonistica fatta di successi ma anche di sconfitte. Nonostante questo non ho mai mollato. I miei sogni mi danno la forza necessaria per andare avanti. Dedico questa medaglia all’Italia intera in una data così importante per il nostro Paese, il 25 aprile, giorno della liberazione. Speriamo di poterci liberare presto anche della pandemia che sta flagellando il mondo intero, per poter tornare a riempire i palazzetti, riaprire le palestre, far ripartire le società che stanno provando a resistere e per tornare tutti alla normalità! Ringrazio Enrico (Casella, il Direttore Tecnico Nazionale della femminile, ndr), tutto lo staff dell’Accademia internazionale di Brescia, dove mi alleno, la mia famiglia e il mio fidanzato Simone, che mi sostengono sempre».