Informativa sulla privacy

La presente informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE n.2016/279 (GDPR)  sul trattamento dei dati personali degli utenti che consultano e interagiscono con il sito web dell’A.N.S.M.E.S, e i relativi servizi (es. navigazione informativa nelle pagine del sito, richieste di informazioni tramite mail o da altri recapiti forniti, compilazioni di moduli, richieste di accesso ad aree riservate, ecc.). Si prega di prendere visione dell’informativa e accettarne le condizioni.

 visualizza la privacy Approvo

Volley, lo scudetto è ancora di Civitanova. Perugia sconfitta

Primo Piano
//
images/volley.jpg

Sesto titolo tricolore per Civitanova. Lo scudetto è suo, ed è il sesto della storia del club marchigiano. Perugia si è arresa, non è servito il cambio in corsa dell’allenatore per scuotere la squadra. In gara4 la Lube ha piegato la resistenza di Perugia 3-1 e ha aggiunto il 24esimo trofeo della storia del club marchigiano.

Il cammino del sodalizio è costellato di vittorie e ha preso il via con il successo in Coppa Italia nel 2001. In 20 anni sono arrivati 6 scudetti, 7 Coppe Italia, 4 Supercoppe italiane, 2 Champions League, 1 Mondiale per Club, 3 Coppe Cev e 1 Challenge Cup. Tutto in una stagione in cui Civitanova ha prima conquistato la Coppa Italia, poi ha cambiato allenatore (Blengini per De Giorgi), ha sofferto (2 casi di Covid nel gruppo a inizio playoff) e poi ha trionfato in una finale che ha rinnovato la grande rivalità tra Lube e Sir.

La sfida.Dopo un buon avvio di gara con Plotnytskyi che ha firmato il massimo vantaggio sul 9-6, Perugia ha subito il ritorno della Lube. Il primo vantaggio dei marchigiani è arrivato sul 12-11 con un attacco di Leal. È stata la scossa che ha acceso Civitanova. Leal non ha sbagliato un colpo (100% nel primo set con 5 su 5), Rycklicki è stato un porto sicuro dove rifugiarsi quando i palloni non erano di facile gestione (6 su 7 e 86% nel primo parziale).

Nel secondo set Civitanova ha allungato e sembrava correre decisa verso il traguardo ma è vienuto fuori l’orgoglio di Perugia che con Plotnytskiy ha raggiunto la parità (15-15). La Sir ha allora sgomitato per stare in partita ma il nuovo strappo verso lo scudetto i marchigiani lo hanno messo a segno sull’asse Leon-Juantorena. Prima il numero 9 ha chiuso un lungo scambio con uno splendido attacco da seconda linea, dopo è stato il turno del capitano per capitalizzare con una pipe una ghiotta occasione (21-19).

Nella corsa verso lo scudetto non è venuto meno nemmeno il polacco-lussemburghese Kamil Rychlicki che ha chiuso due scambi chiave nel finale di secondo parziale prima che il capitano Juantorena (71% in attacco nel 2° set) chiudesse il discorso e lanciasse la Lube verso l’ultimo set da vincere.

Nel terzo set stesso copione del primo con la Sir che è partita meglio e si è portato fino al 13-11. La Lube è però rientrata (14-14) ma questa volta gli umbri non si sono persi anche grazie a un Leon che si è ricordato di essere il più forte al mondo e ha guidato i suoi nella reazione che ha allungato il match (21-25).

Nel quarto set è salito in cattedra Juantorena. Da capitano e leader della Lube ha trascinato la squadra al tricolore. Per lui il quinto in 8 finali giocate. In battuta sul 14-14 il numero 5 dei marchigiani ha piazzato due ace e confezionato l’allungo decisivo (20-14). Il finale è in amministrazione con Juantorena che ha stritto i denti nonostante qualche problema al polpaccio destro. Civitanova è campione d’Italia.

 

Albo d’oro: i 75 Scudetti

1946 Robur Ravenna

1947 Robur Ravenna

1948 Robur Ravenna

1949 Robur Ravenna

1950 Ferrovieri Parma

1951 Ferrovieri Parma

1952 Robur Ravenna

1953 Minelli Modena

1954 Minelli Modena

1955 Minelli Modena

1956 Crocetta Modena

1957 Avia Pervia Modena

1958 Ciam Villa D’Oro Modena

1959 Avia Pervia Modena

1960 Avia Pervia Modena

1961 Ciam Villa D’Oro Modena

1962 Interauto Avia Pervia Modena

1962/63 Avia Pervia Modena

1963/64 Ruini Firenze

1964/65 Ruini Firenze

1965/66 Virtus Bologna

1966/67 Virtus Bologna

1967/68 Ruini Firenze

1968/69 Pallavolo Parma

1969/70 Panini Modena

1970/71 Ruini Firenze

1971/72 Panini Modena

1972/73 Ruini Firenze

1973/74 Panini Modena

1974/75 Ariccia

1975/76 Panini Modena

1976/77 Federlazio Roma

1977/78 Paoletti Catania

1978/79 Klippan Torino

1979/80 Klippan Torino

1980/81 Robe di Kappa Torino

1981/82 Santal Parma

1982/83 Santal Parma

1983/84 Kappa Torino

1984/85 Mapier Bologna

1985/86 Panini Modena

1986/87 Panini Modena

1987/88 Panini Modena

1988/89 Panini Modena

1989/90 Maxicono Parma

1990/91 Il Messaggero Ravenna

1991/92 Maxicono Parma

1992/93 Maxicono Parma

1993/94 Sisley Treviso

1994/95 Daytona Las Modena

1995/96 Sisley Treviso

1996/97 Las Daytona Modena

1997/98 Sisley Treviso

1998/99 Sisley Treviso

1999/00 Piaggio Roma

2000/01 Sisley Treviso

2001/02 Daytona  Modena

2002/03 Sisley Treviso

2003/04 Sisley Treviso

2004/05 Sisley Treviso

2005/06 Lube Banca Marche Macerata

2006/07 Sisley Treviso

2007/08 Itas Diatec Trentino

2008/09 Copra Nordmeccanica Piacenza

2009/10 Bre Banca Lannutti Cuneo

2010/11 Itas Diatec Trentino

2011/12 Lube Banca Marche Macerata

2012/13 Itas Diatec Trentino

2013/14 Cucine Lube Banca Marche Macerata

2014/15 Energy T.I. Diatec Trentino

2015/16 DHL Modena

2016/17 Cucine Lube Civitanova

2017/18 Sir Safety Conad Perugia

2018/19 Cucine Lube Civitanova

2019/20 NON ASSEGNATO

2020/21 Cucine Lube Civitanova