Informativa sulla privacy

La presente informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE n.2016/279 (GDPR)  sul trattamento dei dati personali degli utenti che consultano e interagiscono con il sito web dell’A.N.S.M.E.S, e i relativi servizi (es. navigazione informativa nelle pagine del sito, richieste di informazioni tramite mail o da altri recapiti forniti, compilazioni di moduli, richieste di accesso ad aree riservate, ecc.). Si prega di prendere visione dell’informativa e accettarne le condizioni.

 visualizza la privacy Approvo

"Mabasta!": Germani Brescia e Happy Casa Brindisi unite contro il bullismo

Primo Piano
//
images/brescia.jpg

Proseguono le azioni dal mondo dello sport nel fare fronte comune e sfidare i pessimi fenomeni del bullismo e del cyberbullismo. Questa volta a muoversi è la pallacanestro italiana: in occasione della sfida di campionato tra Germani Brescia e Happy Casa Brindisi, in programma domenica 28 marzo alle ore 12 sul parquet del PalaLeonessa A2A di Brescia, i giocatori di entrambe le squadre si schiereranno al fianco del movimento giovanile anti bullismo “Mabasta”, impegnato nella prevenzione e nella lotta contro ogni forma di bullismo e cyberbulllismo.

In collaborazione con A2A, Match Sponsor della partita della 24esima giornata del campionato di Serie A, le due squadre e i giovani animatori di “Mabasta” si sono già mobilitati sui social network con la pubblicazione e diffusione di un video messaggio emblematico, realizzato con la partecipazione diretta di alcuni dei giocatori di entrambe le squadre.

In occasione della partita di domenica, invece, gli atleti delle due squadre scenderanno in campo con una maglia appositamente disegnata per l’occasione, indossandola al momento della presentazione delle squadre e dell’inno di Mameli, a pochi minuti dalla palla a due. Un grande colpo d’occhio destinato a sottolineare ulteriormente l’importanza dell’iniziativa.

Per Pallacanestro Brescia e New Basket Brindisi, quella contro il bullismo è una partita già vinta prima del fischio d’inizio. Avversarie sul campo, le due squadre si presentano come forti alleate nella vita e nel sociale in una sfida che vede tutto il mondo dello sport al fianco dei ragazzi di “Mabasta” nel loro grande progetto dal nome più che evocativo: «1000 a 0 - Sport Vince Bullismo Perde».